Gonfiore allo stomaco: cause e rimedi


Gonfiore allo stomaco: cause e rimedi

Il gonfiore allo stomaco è una sensazione che probabilmente un po’ tutti quanti noi abbiamo vissuto almeno una volta nella vita. Spesso all’origine di questo fenomeno ci sono cause davvero molto banali, facilmente connesse alle nostre abitudini alimentari o più in generale al nostro stile di vita: una quotidianità all’insegna dello stress o guidata da un’alimentazione squilibrata rappresenta il terreno fertile su cui può arrivare a manifestarsi questa condizione.

Più nello specifico le cause del gonfiore di stomaco possono essere varie. A volte la colpevole di tutto quanto ciò è la ritenzione idrica, altre volte è l’aumento del peso corporeo, altre ancora può essere la conseguenza diretta di un deficit enzimatico di cui non siamo a conoscenza, o perchè no, anche avere a che fare con uno stile di vita che per qualche ragione non è poi così sano (troppi zuccheri, ad esempio, possono provocare questo genere di fastidio). Non è raro, poi, che il gonfiore di stomaco non possa presentarsi anche in quei soggetti che fanno poco sport.


Cosa si può fare quindi per attenuare i sintomi e al tempo stesso per prevenirne la ricomparsa? Uno dei consigli più validi che ci sentiamo di fornire è di cominciare a riguardare la propria dieta alimentare: più frutta e verdura, più tisane e acqua, e meno grassi, zuccheri e cibi fritti sono i mantra di una dieta amica dello stomaco. E poi via libera allo sport o quanto meno alle passeggiate frequenti e, soprattutto, ad una vita generalmente rilassata e serena (perchè come abbiamo già detto in altri articoli, la mente può giocare un ruolo determinante nella salute dello stomaco).

Se però vogliamo risolvere il problema nell’immediato ci sono almeno un paio di cose che si possono fare: innanzitutto bere della camomilla o della melissa che aiutano a calmare e, soprattutto nel secondo caso, ad agire contro i bruciori. Dopo di che ci si può provare a sdraiare di schiena, e a portare un ginocchio verso il mento mentre l’altro se ne sta disteso; si conta quindi fino a 20, e si ripete lo stesso movimento invertendo le gambe: questa tecnica di rilassamento muscolare dovrebbe aiutare molto già nell’arco di pochi minuti!