Fitte allo stomaco: cause e rimedi


Fitte allo stomaco: cause e rimedi

Le fitte allo stomaco sono dei fastidi che di tanto in tanto possono essere anche piuttosto acuti e improvvisi, e il loro stesso manifestarsi può essere la diretta conseguenza di diversi motivi che spaziano dallo stress fino alle intolleranze alimentari. Ma andiamo con ordine e vediamo perché si di avvertono queste dolorose fitte!

Le cause – Le cause delle fitte allo stomaco sono spesso e volentieri la conseguenza diretta di uno stile di vita particolarmente teso, per cui chi soffre di stress e di ansia, o più in generale si ritrova a dover fare i conti con una tensione eccessiva, è molto probabile che possa finir preda di questi sintomi. In altri casi le fitte sono il campanello d’allarme tramite cui si segnala una cattiva digestione o dei disturbi gastrici come la gastrite.

Altre volte le fitte possono essere il riflesso di intolleranze alimentari (si veda per esempio l’intolleranza ai latticini o quella ai crostacei). E poi ancora reflusso gastroesofageo, ernia iatale, duodenite e ulcere fanno inevitabilmente parte di quelle condizioni che possono dar luogo alle fitte allo stomaco.


I rimedi – Per quanto riguarda i rimedi, invece, è chiaro che gli accorgimenti da prendere variano in relazione alla causa che ha scatenato il problema. Se le fitte allo stomaco sono conseguenza di un reiterato stato di tensione, allora possono essere utili dei lievi massaggi da praticare nella zona addominale, accompagnati all’occorrenza da tisane calmanti come quelle a base di malva, camomilla o finocchio.

Per quanto riguarda le intolleranze alimentari è opportuno evitare di consumare gli alimenti che scatenano la reazione: al di là che si soffra o meno di intolleranze alimentari, è comunque importante rivedere la propria dieta diminuendo i cibi fritti e quelli troppo pesanti che sovraccaricano lo stomaco. Nel caso in cui le fitte dovessero essere particolarmente fastidiose e durature, infine, andrebbero presi in considerazione dei farmaci antiacido.